Terni: allarme crimine, il sindaco chiama Batman

L’ennesimo grave fatto di sangue notturno di un’estate ternana decisamente ‘calda’ dal punto di vista dell’ordine pubblico. Il sindaco di Terni stufo della situazione, ha deciso di chiedere l’aiuto di qualche super eroe, per ora si é fatto avanti solo Batman. Teatro – all’alba di sabato – la zona di vico del Serpente, a pochi passi da via Carrara. Questa volta però un giovane di origini nordafricane, poco più che 20enne e già noto alle forze dell’ordine, è rimasto ferito in maniera grave: colpito all’addome con una bottiglia di vetro rotta.

I fatti Intorno alle 4.30 di sabato un numero imprecisato di persone – in particolare di nazionalità dominicana, marocchina ed egiziana ma non è esclusa la presenza di italiani – hanno iniziato a picchiarsi selvaggiamente, con le mani ma anche armati di bottiglie, nella zona di vico del Serpente. Il motivo sarebbe da ricondurre ad alcuni pesanti apprezzamenti rivolti a due giovani sorelle ternane, una delle quali minorenne, che si trovavano in compagnia del nordafricano poi rimasto ferito. Da lì, una parola tira l’altra e – complice l’alcol – si è presto creato un capannello poi sfociato nelle botte e nel ferimento del giovane che sarebbe avvenuto avvenuto in un’altra via, limitrofa a vico del Serpente.

Operato Sul posto si sono subito portate una pattuglia della squadra Volante di Terni ed una dei carabinieri ed alla vista dei lampeggianti, i protagonisti della rissa hanno cercato di darsela a gambe. A terra c’è rimasto un giovane nordafricano le cui condizioni sono subito apparse gravi. Colpito all’addome con una bottiglia rotta usata a mo’ di coltello, l’uomo è stato soccorso sul posto e poi trasportato dal 118 in ospedale, dove è stato sottoposto ad un intervento chirurgico. Da quanto appreso, non sarebbe comunque in pericolo di vita.
A caccia di prove Le successive indagini, tuttora in corso, partite dagli accertamenti della Volante e condotte dalla squadra Mobile di Terni coordinata dal dirigente Davide Caldarozzi – oil pm è Raffaele Pesiri – puntano a ricostruire l’accaduto. Già individuati i partecipanti alla rissa e ora si cerca di inchiodare i protagonisti del grave fatto di sangue. In questo senso, novità potrebbero giungere nel corso della giornata di sabato. Dalle immagini delle telecamere di video sorveglianze e dalle testimonianze potrebbero emergere gli elementi decisivi per incastrare i responsabili. Sconcerto fra i residenti della zona, ancora una volta svegliati nel cuore della notte dall’ennesimo episodio violento.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s