Vittorio Sgarbi morso da un ratto. In ospedale “rischio infezione”

Di Ermes Maiolica

Morsa da un topo in centro, a piazza San Cosimato: tra i luoghi più frequentati di Roma (oltre al mercato rionale ospita un parco giochi per bambini) e arena all’aperto con le proiezioni dei ragazzi del Cinema America. A raccontare la storia Vittorio Sgarbi, che abita a Monteverde ma il 12 giugno era a Trastevere con un gruppo di amici. Proprio dopo aver visto una mostra d’arte in una sala della zona, si era fermato a chiacchierare in piazza. Mentre era seduto, ha sentito qualcosa che gli si arrampicava sulla gamba: in pochi istanti, dopo aver sentito il morso, si è accorto del ratto. D’istinto, si è mosso per liberarsi dell’animale che le era rimasto attaccato addosso. Terrorizzato, Sgarbi si precipita corre nella vicina guardia medica di via Morosini: «Esco da lì con una ricetta di antibiotico ad ampio spettro da prendere immediatamente – dice – e l’idea di dovermi recare la mattina dopo, il prima possibile, perché comunque ho un tempo limitato, entro le 24 ore, al centro antirabbico del policlinico Umberto I».

8 thoughts on “Vittorio Sgarbi morso da un ratto. In ospedale “rischio infezione””

  1. Salvatore, a meno che Sgarbi non abbia cambiato sesso il pronome che serve è “gli”. Gli si arrampicava… gli era rimasto attaccato. Inoltre il 13 giugno è oggi. Immagino che il fatto sia successo ieri sera.

    Like

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s